Vivere il lutto nell'epoca dei social network

Vivere il lutto nell'epoca dei social network

Come viene affrontato il lutto online?

Tra gli italiani che hanno subito almeno un lutto (ovvero quasi la totalità), il 31% ha espresso il proprio pensiero, ricordo o dolore per la perdita online (ad esempio con un post su un social network o con un messaggio in qualche chat). La cosa curiosa è che sono le persone di età compresa tra i 35 e i 44 anni che più di tutti lo hanno fatto (39%), mentre i membri della Generazione Z (18-24 anni) considerati i più attivi sui social media, sono proprio coloro che hanno condiviso meno di tutti le proprie esperienze di lutto su internet.

Tra chi ha subito un lutto, il 14% dichiara, inoltre, di essersi sentito in dovere di esprimere il proprio dolore in rete, soprattutto tra gli abitanti del Sud Italia (20%).

Pensando invece al proprio decesso...

1 italiano su 2 vorrebbe che i propri account sui social network e l’email venissero cancellati, al contrario solo 1 italiano su 10 preferirebbe lasciarli attivi. 1 italiano su 10 vorrebbe che venisse pubblicato un post o inviata una email in sua memoria. In pochi si preoccupano dei post/email che hanno scritto nel corso della loro vita.

Il 19% dei rispondenti dichiara di aver già individuato una persona che possa prendersi in carico i propri account, ma solo la metà di essi ha già chiesto a questa persona di farlo.

Solo il 3% degli italiani vorrebbe che il proprio funerale venisse trasmesso in streaming (ovvero in diretta su internet, ad esempio su un sito o un social network), proteggendo il sito con una password.

Mentre l’idea di poter creare un chatbot in grado di replicare esattamente la propria personalità (ovvero un assistente virtuale/robot che interagisce con le persone esattamente come farebbe la persona deceduta) come se fossimo in una puntata di Black Mirror, sembra interessare più persone: il 12% per l’esattezza. In questo caso sono soprattutto i Millenials, ovvero i 18-34enni, a favore di questa possibilità.

Nota Metodologica

Questo report è stato realizzato utilizzando dati rilevati tramite metodologia Omnibus. YouGov ha intervistato, in modalità CAWI, un campione di 1012 rispondenti rappresentativi della popolazione Italiana online di età 18+. Il sondaggio è stato condotto su panel proprietario YouGov, dal 13 al 14 Febbraio 2019, utilizzando il metodo delle quote.

Icon by The Noun Project and Freepik

Photo by Matt Botsford on Unsplash