Travel Online: Top Improver Brands (Winter Edition 1/2)

Travel Online: Top Improver Brands (Winter Edition 1/2)

Analizzando i dati rilevati, nel corso degli ultimi mesi, da BrandIndex[1] si osservano alcuni cambiamenti nei punteggi registrati da parte dei brand. I dati rappresentati mettono a confronto il periodo di trenta giorni compreso tra la seconda metà di ottobre e metà novembre con i trenta giorni precedenti.

Hilton, Booking.com ed Expedia rientrano nella classifica dei top 3 brand che subiscono dei cambiamenti positivi significativi nella percezione dei consumatori.

L’indice di Hilton è l’unico a percepire un cambiamento positivo significativo negli ultimi 30 giorni. Questo indice può essere interpretato come una misura globale della salute di un brand, che prende in esame diversi indicatori e consente di tracciarne l’andamento nel corso del tempo. Tra questi, la qualità percepita e la reputazione del brand aumentano significativamente rispetto ai trenta giorni precedenti e contribuiscono alla crescita dell’indice globale di Hilton.

La brand awareness è migliorata significativamente per tutti i brand analizzati, mentre soltanto per Booking.com si osserva un aumento significativo del numero di persone che dichiara di utilizzare attualmente il servizio.

Nel periodo che precede Natale quindi, Hilton, Booking.com ed Expedia rientrano nella classifica dei migliori perfomer del settore Travel rispetto al mese precedente. Questi risultati saranno mantenuti tempo e resisteranno alla prova delle vacanze di fine anno?

Photo by Joshua Reddekopp on Unsplash

[1] Brand Index è lo strumento proprietario di YouGov che rileva fra le persone, ogni giorno, in più paesi e settori merceologici, indicatori legati alla salute del marchio (fra cui General Impression, Quality, Value, Corporate Reputation, Customer Satisfaction and respondents Willingness to Recommend) e al suo stesso livello di conoscenza . Questi indicatori concorrono a costruire un unico indice che consente analisi tra brand diversi o approfondimenti in trend su un unico marchio