Anche ai milanesi mancano le cose semplici

Anche ai milanesi mancano le cose semplici

Abbiamo chiesto ai milanesi quali sono le attività di cui sentono maggiormente la mancanza a seguito della dichiarazione nazionale della zona rossa per la Lombardia e l’Italia del 9 e 10 marzo.

La città meneghina si mostra lontana dall’immaginario che la vede concentrata sul lavoro. In momenti come questi, anche i suoi abitanti danno priorità alle «cose semplici». Stare all’aria aperta e passeggiare è infatti l’attività che più manca al 26% dei milanesi, seguita dal passare tempo con la propria famiglia (16%) e con gli amici (13%).

Se da un lato è vero che aria aperta e passeggiate sono in cima alla «nostalgica classifica» in tutte le categorie socio-demografiche, dall’altro si riscontrano differenze rilevanti in certe fasce della popolazione. Manager, professionisti e imprenditori sono chiaramente meno concentrati sulla famiglia rispetto a impiegati e insegnanti, mentre rimpiangono maggiormente weekend fuori porta e viaggi.

Passare tempo con gli amici è di fatto l’attività che più manca ai millennials (al pari dello stare all’aria aperta), mentre i loro «genitori» (ovvero i baby boomers) lamentano la mancanza del tempo passato in famiglia.

I milanesi della generazione X sono invece il gruppo sociale che più di ogni altro vorrebbe passeggiare liberamente per la città, il resto delle attività passa relativamente in secondo piano. Dato che non stupisce: si tratta della generazione con la presenza maggiore di bambini in famiglia. Una ragione in più per cui madri e padri potrebbero sentirsi alleviati dalla recente decisione del Viminale riguardo al sì sulle passeggiate genitore-figlio.

Un ultimo sguardo infine alle differenze di genere, che si fanno sentire anche in un contesto metropolitano e cosmopolita come quello del capoluogo lombardo.

Se escludiamo lo stare all’aria aperta, l’ordine di importanza per le donne è chiaro: prima la famiglia poi gli amici. Tra gli uomini invece non sembrano esserci priorità chiare, non poter passar tempo con i famigliari rappresenta un disagio al pari degli ostacoli posti alla pratica dell’attività fisica e all’impossibilità di mangiare fuori casa.

 

Nota Metodologica

Questo report è stato realizzato utilizzando dati rilevati tramite metodologia CityBus (Omnibus cittadina).
YouGov ha intervistato, in modalità CAWI, un campione di 497 rispondenti rappresentativi della popolazione residente a Milano di età 18+. Il sondaggio è stato condotto su panel proprietario YouGov, dal 20 al 24 marzo 2020, utilizzando il metodo delle quote.

Photo by Mick De Paola on Unsplash

 

Per favore leggi le regole della nostra community prima di iniziare a postare